Il Castello Aragonese è una fortezza dell’isola d’Ischia nel Golfo di Napoli, nell’Italia meridionale. Si trova sul lato orientale dell’isola ed è collegato con un ponte di 200 metri all’antico Borgo di Celsa, che si trova sulla terraferma.

Le prime parti della fortificazione furono costruite già nel V secolo a.C.. Ma è solo nel XV secolo, sotto i re aragonesi, che assumerà la forma attuale.

Alfonso I di Napoli e Sicilia fece costruire il castello sul modello del “Maschio Angioino”, il “Castello Nuovo” di Napoli, e fece anche costruire il primo ponte di legno sul mare.

Nel XVIII secolo, la sua turbolenta storia doveva concludersi quasi tragicamente: nel 1809 fu assediato dalle truppe inglesi e quasi completamente distrutto dalle cannonate.

I pochi abitanti sopravvissuti furono reinsediati sulla terraferma e il castello fu utilizzato come prigione. Solo all’inizio del XX secolo fu messo all’asta e oggi è di proprietà privata.