Select Page

Il gabbiano Jonathan

Il gabbiano Jonathan

Quando avevo diciotto anni, avevo un amico con il quale condividevo tutto. I miei pensieri, i miei sogni e il mio desiderio. Non siamo mai stati amanti, ma familiari come fratelli e sorelle.

Un giorno mi ha chiamato e mi ha detto di aver ricevuto un libro da sua madre. “Di uno stupido uccello. Con la dedizione: Imparare a volare! Diciamo, è pazza?”.

Veniva da una famiglia ricca e si aspettava un’auto o una crociera per il suo compleanno. E solo un po’ di carta stampata.

 

Ho dimenticato la storia fino a pochi mesi dopo, quando ho trovato un piccolo libro incollato dietro la sua scrivania. Da quando stavo leggendo tutto quello che avevo a quel tempo, cominciai a sfogliarlo.

E sono rimasta incantata fin dalle primissime righe. Era esattamente quello che stavo cercando. Infine c’era qualcuno che descriveva i miei sogni più intimi, il mio desiderio di una vita reale, di libertà e passione.

Un modo per non passare il resto dei miei giorni sotto la schiavitù di lottare per il mio pane quotidiano. Ma invece di trovare qualcosa per cui valga la pena vivere, qualcosa che era più importante di un’auto, una casa o il riconoscimento della mia famiglia.

 

E questo piccolo gabbiano ha mostrato la strada da percorrere!

 

Il mio amico di solito sapeva come sono stato. Ma per la prima volta nel nostro tempo insieme, lei non mi ha capito. Dove ho visto un insegnante per la mia vita, lei poteva vedere solo un uccello sporco.

Penso che quello fosse l’inizio della fine. Siamo stati amici ancora per qualche anno dopo, ma siamo andati in modi diversi. Ha frequentato un’università d’élite e ha iniziato a lavorare nell’azienda dei suoi genitori.

 

Ho scelto un percorso che credevo mi avrebbe portato a me stesso. E tuttavia la vita itthrewmy in tumulto.

Sono seguiti anni di sofferenza. Anni di dolore e dolore, mantenendo sempre la speranza fino a trovare nuove strade.

L’unica cosa che mi ha portato in questo tempo è stata la memoria di questi libri.

 

Il ricordo del gabbiano Jonathan Livingston.

E per questo sono grato al mio amico di allora.

 

Il suo nome era Eva.

 

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Blogverzeichnisse

Blogheim.at Logo