Select Page

Il lupo della steppa

Il lupo della steppa

Il lupo della steppa (originariamente “Der Steppenwolf”) è stato il primo vero libro che ho letto da giovane. Ricordo ancora il mio vicino di scrivania che mi passò il libro segretamente sotto il tavolo, dicendomi che dovevo davvero leggere questo libro perché lì dentro avrei trovato “la verità”. Naturalmente, come ogni altro adolescente, ero ansioso di sapere la verità. Ed ero certo che sarebbe stato facile trovarlo sulle pagine premute tra due copertine di libri.

 

Beh, devo ammettere che ancora oggi non sono riuscito a trovarla. Ma quello che ho trovato in questo libro, è stata una descrizione di tutto ciò che ho sentito solo inconsciamente fino a questo punto. Il disgusto per la società, il dolore per la nostra cultura e la mia solitudine. La solitudine che ogni persona che sente di vivere in questo mondo freddo e senza cervello conosce.

Quel libro era il mio risveglio.

 

Ecco perché vorrei ricominciare con questa storia. Inizialmente, ho cercato di evitarlo perché ho letto molti commenti negativi su Hermann Hesse come autore, ma anche su questo libro.

E tutti coloro che rilasciano una recensione sembrano essere d’accordo con questo atteggiamento negativo. Il libro è scritto male, racconta una storia poco interessante e Hesse non può nemmeno essere preso sul serio come scrittore.

 

Ma penso che questo non sia dovuto alla narrazione, né allo stesso Hermann Hesse. Sono solo i critici, e la persona che sono diventati nel corso del tempo. Perché non sono maturati o cresciuti, si sono semplicemente adattati al mondo così com’è. Hanno imparato a ululare con la folla, a ridere dei suoi sogni e hanno perso una parte della loro anima nel processo.

 

Ma che mi dici di oggi? Il libro è ancora attraente per me? Non sono forse cresciuto molto più freddo? A quanto pare, sono vecchio oltre i miei anni e più sensibile, ma in realtà, mi mancano sogni e speranza?

Ecco la mia risposta: Il libro mi tocca ancora. Tocca i miei sogni (anima) e suona dentro di me alcune corde dimenticate da tempo.

Certo, oggi l’ho letto diversamente da allora e mi parla in modo diverso. Non è più il libro della saggezza o la guida della mia vita.

Ma oggi sono anche in grado di capire meglio i suoi pensieri e sentimenti. La solitudine in cui vive Haller, la sua vita di disperazione e la scomparsa della cultura. Tanta parte di essa si è trasformata in realtà.

E sono ancora felice di poter trovare tutto questo espresso a parole da qualcuno.

 

Perché l’Assia è sempre considerato un autore per giovani lettori? Leggi le sue storie quando non sei ancora molto maturo? Ma essere maturi non significa preoccuparsi di autori come Tolstoj o Shakespeare in seguito. Si preferisce diventare sensibile, andare a lavorare regolarmente, e seppellire tutti i vostri sogni e desideri sotto uno spesso strato di intrattenimento e scuse zoppe.

 

Quale parte delle sue creazioni viene criticata?

Il suo linguaggio? Tutti coloro che pensano che questo dovrebbe leggere “L’ultima estate di Klingsor”. La prima pagina di quel libro da sola contiene più bellezza e virtuosismo di un linguaggio di quanto la maggior parte delle persone sia in grado di provare.

La sua scelta del soggetto? Ma allora, l’artista non è assolutamente libero di creare quello che vuole? Non è spinto verso i suoi soggetti da istinti inconsci? Riesci a immaginare un P. Rossegger come autore di colorate immagini sociali? Oppure puoi immaginare Dostoevskij come uno scrittore di storie divertenti? L’autore non dovrebbe essere in grado di scrivere di tutto ciò che vuole senza doversi spaventare del critico altrui?

Il modo in cui affronta l’argomento? Hesse non poteva raccontare storie vere. Tutte le sue figure erano sempre rigide e senza arte, e così via.

Ma lo stile delle sue storie non sarebbe perfettamente in linea con le sue storie? Non ha detto esattamente quello che voleva?

E anche se non sono un fan dei titoli e dei premi, in realtà è uno degli autori tedeschi che hanno ricevuto il premio Nobel.

 

Ma, a parte l’opinione del critico, perché dovrei raccomandare di iniziare a leggere libri di Hermann Hesse? Questo ha due ragioni principali.

In primo luogo, ha un linguaggio chiaro e semplice. Questo non significa che non sia virtuoso, si è solo assicurato di scrivere in un linguaggio facile e comprensibile che ogni lettore può capire. Ecco perché la maggior parte dei suoi libri sono raccomandati per i lettori principianti.

In secondo luogo, le sue storie ci toccano in un luogo che è stato a lungo dimenticato nel nostro mondo. Le sue parole toccano il nostro cuore, lì, dove è il nostro desiderio, il ricordo di cose semplici come l’alba, una foglia nella neve, o una passeggiata sulla mano di nostra madre.

 

Ma per ora torniamo a Steppenwolf e a cosa ne penso oggi.

Il libro è ancora bello per me. È triste, è buio e stanco, ma ha una sua bellezza. Naturalmente, la mia vita è molto diversa da quella di H. Haller. Ma quando lo accompagno per la sua strada, sento sempre questo desiderio nel mio cuore.

Ma non per il cammino che segue, ma perché il cammino che ha percorso prima. E ‘il mio desiderio interiore di chiamare, pregandomi di passare la mia vita con l’apprendimento, la lettura e la nostra cultura di nuovo.

Per farmi cercare il sentiero d’oro che descrive.

 

Spero davvero che molti di voi si sentano allo stesso modo. Perché tutti noi abbiamo vissuto troppo, ci siamo divertiti troppo e abbiamo lottato per crescere troppo a lungo. Sarebbe quindi un’ottima occasione per iniziare ad andare nella direzione opposta.

 

Non voglio entrare nei dettagli della storia. Se vuoi, leggi tu stesso il libro e dimmi cosa ne pensi, come ti fa sentire e in che modo scegli di andare avanti.

 

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

App Culturale

Dai un’occhiata anche alla mia app culturale!

Nuovi articoli quotidiani sulla storia dell’Europa, la letteratura, la musica classica, le belle arti e altro ancora.

Blogverzeichnisse

Blogheim.at Logo