Select Page

La vita di H.C. Andersen

La vita di H.C. Andersen

Molte delle opere di Andersen non sembrano creazioni consapevoli, ma racconti popolari che ci parlano dall’oscurità del tempo.

Eppure fiabe come “L’anatroccolo brutto” o “La Sirenetta” sono opere d’arte sublimi che sono state create meno di 200 anni fa.

Tutte nascono dall’ingegnosa penna di questo poeta danese che, nonostante la sua infanzia piena di dolore e disperazione, ha mantenuto la sua fede nella bellezza dell’esistenza per tutta la vita.

 

Primi anni

Altes SchuhmacherhandwerkHans Christian Andersen (o H. C. Andersen, come si è definito per tutta la vita) è nato il 2 aprile 1805 a Odense, sull’isola danese di Fyn.

Suo padre era un semplice calzolaio senza competenze economiche, e anche la madre alcolizzata, una semplice lavandaia, contribuì poco alla famiglia.

La sua infanzia è stata segnata dalla povertà amara e dalla lotta per il pane quotidiano. È fin troppo comprensibile che non ci fossero più i soldi per un’istruzione ragionevole per suo figlio.

Ecco perché il bambino fuggì molto presto nel mondo dei libri e sognava il teatro. Senza poter dare alla sua mente gli stimoli che desiderava tanto, ha creato un palcoscenico di marionette con i materiali più semplici. Lì ha trovato un rifugio dalle esigenze del mondo freddo e si è perso per ore nei suoi sogni.

 

Ma anche da questi piccoli piaceri fu presto tirato fuori. Quando Andersen aveva undici anni, suo padre morì e lasciò la piccola famiglia senza un soldo.

Ora il bisogno divenne così grande che il ragazzo dovette lavorare per un sarto e un tessitore allo stesso tempo. Quando questo non bastava nemmeno per sopravvivere, divenne un operaio in una fabbrica di sigarette.

 

Fuga a Copenaghen

Der Hafen von Kopenhagen, Ansicht der Schiffe und der StadtAll’età di quattordici anni, decise di fuggire da questa fatica e fuggì a Copenhagen. Ancora intrappolato nei suoi sogni d’infanzia, era il suo più grande desiderio di diventare un attore famoso.

“Lunedì mattina, 5 settembre 1819, vidi Copenhagen per la prima volta dalla collina vicino a Friedrichsberg. Lì sono sceso e con il mio piccolo mazzo ho attraversato il giardino del castello, il lungo viale e il sobborgo fino alla città….. Con appena 10 racchette in tasca mi sono fermato in una delle piccole pensioni. La mia prima escursione è stata dopo il teatro; l’ho girato più volte, ho guardato le mura e l’ho quasi considerata una casa”.

Con l’aiuto di mecenati rinomati, riuscì ad ottenere istruzioni al Teatro Reale. Ma poiché non aveva talento per la recitazione, si sentì presto costretto a terminare gli studi.

 

Così è costretto a fare lavori strani e canta nel coro teatrale. Ma quando a diciassette anni ha avuto la rottura della voce, ha perso anche questo lavoro.

Ora prende una decisione che determinerà la sua ulteriore vita: scrive due opere teatrali, che rimangono infruttuose, ma che attirano l’attenzione dell’allora direttore del Teatro Reale.

Jonas Collin, il suo nome dovrebbe essere inciso con gratitudine su ogni monumento ad Andersen, porta il ragazzo nella sua casa e decide di prendersi cura del suo futuro.

 

Educazione

Gli fornisce un posto nella scuola latina di Slagelsen e persuade il re danese a fornire i mezzi finanziari per farlo.

Dopo aver terminato la scuola, Federico VI gli permise anche di frequentare altri tre anni alla scuola degli studiosi di Helsingør e Andersen poté frequentare l’università.

 

Die Universität von KopenhagenLe prime storie e poesie furono scritte in questo periodo, caratterizzato da pensieri suicidi e dubbi su se stesso. Ha avuto un primo successo con una storia ispirata a E.T.A. Hoffmann: Una passeggiata dal canale di Holmen alla punta orientale di Amager nel 1828 e 1829.

Ma anche prima ancora, egli creò opere che denotavano una luce significativa sulla sua opera successiva, come il poema “Das sterbende Kind” (“Il bambino che muore”).

È interessante perché non racconta una storia nel modo consueto dal punto di vista di un adulto, ma rappresenta il mondo dal punto di vista di un bambino.

Un artificio che in seguito divenne tipico della sua opera letteraria.

 

“Il bambino che muore”

Mamma, sono stanca, fammi entrare in camera tua.
Tuo figlio ora dorme a braccia fedeli,
Ma prima promettimi che non piangerai piu’.
Caldo e bruciando le tue lacrime sono
Fa freddo qui, e le tempeste soffiano fuori,
Ma in un sogno tutto è leggero e chiaro,
Ho visto bambini angelici lì,
Ogni volta che il mio occhio era chiuso.

Guardate! Ce n’è già uno al mio fianco,
Ascolta come suona dolce, mamma, guarda.
Ma le ali, bianche e splendenti entrambe!
Madre, nostro padre gli ha dato queste?
Oro e fiori galleggiano davanti ai miei occhi
L’angelo di Dio li sparge intorno a me.
Di’, avrò le ali anche nella mia vita,
O prima nella sua casa delle stelle?

Perché mi stringi la mano insieme?
Perché la mia guancia, la tua guancia?
È bagnata eppure brucia come le fiamme,
Saro’ con te per tutta la vita.
Lascia che solo le tue lacrime non scorrano più
Devo piangere, quando sei triste.
O come stanco! – Vuole chiudere l’occhio
Guarda, guarda, guarda, come si bacia anche l’angelo.

 

Tempo di ricerca

Blume, die Flora DänemarksCon la fine degli studi, Andersen inizia il suo viaggio per diventare il più importante scrittore di fiabe del suo tempo.

In una delle prime fiabe (I fiori di Little Ida) si ottiene una bella, seppur idealizzata, immagine del giovane autore.

“I miei poveri fiori sono morti, disse la piccola Ida. Erano così belli ieri, e ora tutte le foglie sono appese, perché lo fanno? Ha chiesto allo studente seduto sul divano, perché lei lo amava molto: poteva raccontare le storie più belle e ritagliare immagini così divertenti: Cuori con piccole donne che danzano in loro; fiori e grandi serrature dove si potevano aprire le porte; era una studentessa divertente”.

 

Quest’anno ha incontrato anche Riborg Voigt, la sorella del suo amico studente Christian Voigt. La bella ragazza è stata presa con il giovane artista ed entusiasta del suo lavoro, e Andersen si è subito innamorato di lei.

C’era anche un fidanzamento segreto, ma poiché Riborg era già stato promesso ad un altro uomo, i due dovevano separarsi e rinunciare a una vita insieme.

La lettera che Riborg gli scrisse per dirgli addio doveva essere tenuta da Andersen in una piccola borsa di pelle e tenuta con lui per il resto della sua vita.

 

Dopo il matrimonio del suo primo amore, Andersen intraprende il primo dei suoi numerosi viaggi, che lo portano in Germania, Italia, Spagna e nell’Impero Ottomano.

“Il 5 settembre ho attraversato il Sempione per l’Italia. Lo stesso giorno in cui sono venuto a Copenhagen 14 anni fa, povero e indifeso, dovevo entrare in questa terra del mio desiderio e della felicità del poeta….”. Tutto era sole, tutto era primavera. L’uva appesa in lunghi fili da un albero all’altro – non ho mai visto l’Italia così bella più tardi….”.

 

Primo viaggio in Italia

Questo viaggio divenne il modello per tutti i suoi viaggi successivi. Sembra quasi che fosse una fuga ricorrente dalla solitudine della sua vita, perché appena i suoi mezzi lo permettono, lascia la sua scrivania e viaggia nel mondo.

Alla fine della sua vita ci saranno stati quasi trenta viaggi all’estero, che lo hanno portato non solo attraverso l’Europa, ma anche negli angoli più remoti dell’Asia e dell’Africa.

 

Nell’ottobre 1830 Andersen visse a Roma per alcune settimane e lì ricevette la notizia della morte della madre. Per fortuna aveva intorno a sé una cerchia di amici che lo confortavano nella sua sofferenza e così si riprese rapidamente da questo colpo di fortuna.

Nella primavera dell’anno successivo è di nuovo sulla strada, questa volta in direzione sud verso la cima dello stivale italiano.

Nei suoi appunti si può vedere quanto ama il paese e la gente e quanto sia bella la vita sotto il sole italiano per la sua anima maltrattata. Ovunque cammina con uno sguardo artistico aperto e assorbe tutto per poi utilizzarlo nelle sue fiabe.

Die Insel Capri “Solo da un lato è accessibile l’isola di Capri; tutt’intorno ripide pareti rocciose verticali, a valle di Napoli si trovano ad anfiteatro con vigneti, aranceti e oliveti. In fondo alla spiaggia ci sono diverse capanne di pescatori e una casa di guardia. Più in alto, tra il verde dei giardini, si affacciava la cittadina di Anna Capri; vi si accedeva da un piccolo ponte levatoio e da un cancello. Nella locanda di Pagani, davanti alla cui porta si trova un’alta palma, ci siamo presi una pausa.

Dopo pranzo abbiamo pensato di andare a cavallo degli asini fino alle rovine della Villa des Tiberius; ma ora ci aspettava la colazione, e tra questo e il pranzo successivo Francesca e Fabiani volevano riposare per raccogliere le forze per il prossimo viaggio. Io e Gennaro non ne abbiamo sentito il bisogno. L’isola non mi sembrava più grande di quanto non riuscivamo a vogare abbastanza bene in poche ore e guardare gli alti cancelli di roccia che si stagliano isolati dall’acqua verso sud.

Abbiamo preso una barca e due rematori; il vento leggero si era alzato in modo da poter utilizzare le vele circa a metà strada. Il mare si è rotto nell’arcipelago basso. Le reti da pesca erano distese tra di loro, in modo che per non ferirle dovevamo prima spingere un po’ più in là nel mare. E’ stata una gita deliziosamente divertente in barca piccola. Presto abbiamo visto dal mare al cielo solo le rocce verticali, le masse di pietra grigia, qua e là nelle fessure un’Aloe o un selvaggio Levkoje, ma nemmeno tanto terreno solido che sarebbe stato sufficiente per un solo Capricorno. Sotto, nel surf, che si alzava come un fuoco bluastro, le mele di mare rosso sangue crescevano sulle rocce, che, bagnate dall’acqua, avevano una doppia lucentezza. Sembrava che la roccia sanguinasse ad ogni onda”.

 

Il più grande narratore di fiabe del suo tempo

Dopo anni di libero vagabondaggio, Andersen è costretto ad iniziare il suo vero e proprio lavoro per mancanza di denaro. Vengono scritte le prime fiabe vere e proprie, come “La Sirenetta”, in cui è ben visibile l’influenza dell’Italia.

Per anni lavorò con caparbietà al suo lavoro, senza ottenere il successo desiderato.

Fu solo nel 1847, quando a Lipsia venne pubblicato un piccolo volume intitolato “Gesammelte Werke” (Collected Works), contenente una raccolta di alcune delle sue fiabe, che il foglio cominciò a girare e la stella di Andersen cominciò a sorgere.

 

Das hässliche Entlein, ein junger SchwanIl pubblico tedesco lo ama dalla prima riga in poi e lentamente anche i critici sono costretti a rivedere le loro opinioni.

Quando gli è stato chiesto se avrebbe scritto la sua storia di vita, ha risposto che questo era accaduto da tempo nella “Storia del brutto anatroccolo”.

Chiunque abbia familiarità con la storia riconoscerà il bel pizzo che sta conducendo contro i critici danesi che lo avevano ignorato per così tanto tempo.

 

Quando Re Federico VI lo espone finalmente a una pensione annuale di 400 Thalers, è sollevato da ogni preoccupazione finanziaria e può concentrarsi interamente sul suo lavoro.

“Era come se da quel giorno il sole di primavera dovesse sembrare più costante nella mia vita; sentivo una maggiore sicurezza, perché guardando indietro negli anni della mia vita, vedevo più chiaramente che una provvidenza amorevole mi vegliava su di me, che tutto era diretto al meglio per me, come per forza maggiore…..”.

 

Da più di vent’anni lavora al suo lavoro, che dovrebbe farne uno dei più grandi poeti fiabeschi d’Europa.

Ha creato classici come “The steadfast Tin Soldier”, “The Wild Swans” o “The Little Girl with the Sulphur Woods”.

Ha trascorso gli ultimi anni della sua vita nella tenuta di campagna “Rolighed” vicino a Copenaghen, ha girato nel mondo dei suoi sogni e ha lavorato instancabilmente al suo lavoro.

 

Quando morì all’età di settant’anni, da tempo era diventato un autore riconosciuto a livello internazionale e amato dai suoi lettori.

Al suo funerale si riunirono moltissime persone e poco tempo dopo Andersen fu dichiarato poeta nazionale danese.

Con la scultura della sirenetta eretta nel 1913, gli fu finalmente consegnato un monumento che ancora oggi è considerato il punto di riferimento di Copenaghen.

 

Il suo patrimonio

Die kleine MeerjungrauMolte delle sue opere appartengono ancora oggi alla collezione di letteratura mondiale e sono lette e amate da bambini e adulti.

Basato sulle storie e le leggende d’Europa, lavora sui più diversi racconti popolari e, ispirato alle tendenze letterarie del suo tempo, crea una simbiosi unica che lo rende il narratore più significativo del suo tempo.

In una vita piena di lavoro instancabile, ha creato 168 fiabe e più di 1000 poesie.

 

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

App Culturale

Dai un’occhiata anche alla mia app culturale!

Nuovi articoli quotidiani sulla storia dell’Europa, la letteratura, la musica classica, le belle arti e altro ancora.

Blogverzeichnisse

Blogheim.at Logo