Select Page

Perché la Poesia

Perché la Poesia

“A cosa serve la poesia ai tempi di oggi?” Questa domanda non è meno valida perché viene posta in modo impegnativo da molte persone stupide o perché ha ricevuto risposta apologeticamente da tanti sempliciotti.

(R. v. Ranke-Graves)

 

Queste linee mi hanno dato fastidio per anni ormai. Ho sempre considerato la poesia come un bell’accessorio della letteratura e ho preferito passare il mio tempo con tome spessi come “Guerra e Pace”.

Tuttavia, ho sempre sentito una voce bassa che insisteva sul fatto che c’è un segreto della poesia di cui non sono ancora a conoscenza. Ed è per questo che ho iniziato a pormi qualche domanda.

Qual è la differenza tra testi lirici e altri mezzi di trasmissione? Perché le poesie toccano le nostre anime, e cosa fanno i versi? E se abbiamo bisogno di poesie, di cui ora sono convinto, perché abbiamo bisogno di loro e quali sono per noi?

 

Una cosa che tutti notano è il grande cambiamento che il nostro linguaggio sta attraversando.

Naturalmente, la lingua cambia costantemente e si adatta al nuovo ambiente di vita delle persone. Ma oggi non si tratta solo di questo. Si tratta piuttosto di un drammatico deterioramento della nostra lingua.

 

Molti la considerano “I clamori di Cassandra”. Ai loro occhi, il linguaggio cambia, ma credono che questo sia lo stesso tipo di sviluppo che conosciamo da più di 2000 anni.

Ma si sbagliano, perché confondono la quantità delle parole usate con la qualità intrinseca delle parole.

Si riferiscono sempre all’uso del linguaggio solo per le cose in superficie, parole usate per la comprensione di processi tecnici o per la diffusione di informazioni.

E in termini di questi aspetti, può anche essere vero che si tratta di un cambiamento normale e che il linguaggio si adatta a un nuovo ambiente.

 

Ma la comunicazione è molto di più di questo. Un’altra questione importante è come il nostro linguaggio riesce a trasmettere pensieri astratti e ad esprimere processi interiori.

Fino a che punto è possibile creare nuovi spazi per i pensieri, scoprire nuovi modi di pensare e di sentire, e scoprire una nuova visione di noi stessi come esseri umani in questo mondo attraverso il linguaggio.

 

E da questo punto di vista ci troviamo di fronte ad uno sviluppo preoccupante.

Il linguaggio è sempre un riflesso del suo tempo. Nel nostro mondo, le cose più importanti sembrano essere il denaro, il potere e la tecnologia, e quindi il nostro linguaggio si evolve inevitabilmente in questa direzione per affrontare questa visione del mondo.

 

Ma attraverso questa visione del mondo ridotta, abbiamo tagliato il nostro linguaggio dal suo compito più importante: la nostra possibilità di esprimere i problemi umani più primordiali come l’amore o la solitudine in modo produttivo.

 

Con questo, qualcosa che Cornelia Jentzsch ha detto una volta potrebbe accadere: “Quando ho iniziato a pensare alla vita, non riuscivo a trovare le parole giuste per farlo.

E questo è il punto. Se perdiamo queste parole, se perdiamo un linguaggio sfumato, allora non saremo più in grado di pensare a un mondo al di fuori della realtà visibile.

 

Questo sviluppo è stato innescato dalla perdita della nostra cultura del libro e dalla sua sostituzione con i moderni mezzi di comunicazione di massa.

Ho già scritto di più su di esso qui, quindi nel seguito mostrerò solo come tre diversi media permettono o impediscono il proprio accesso a pensieri e sentimenti differenziati.

 

Un film è un mezzo che lavora principalmente con le immagini in movimento. Anche il testo può essere importante, ma rimane sempre secondario.

Uno dei maggiori problemi di questo mezzo è che i film hanno un tempo limitato per raggiungere le persone. Pertanto, sentimenti e pensieri devono essere immediatamente riconosciuti e compresi dal pubblico, portando ad una presentazione piuttosto semplicistica e superficiale.

 

La prosa può essere usata molto meglio per rappresentare i sentimenti e renderli fruttuosi per la sua vita.

Questo tipo di testo si concentra su un’azione con sentimenti e pensieri incorporati. Pertanto, questo mezzo è il migliore per mettere in relazione tra loro, per trasformarli in linguaggio e per darci l’opportunità di integrarli nella nostra vita.

Ma essendo dipendenti da una storia, questi testi raramente raggiungono il punto in cui hanno bisogno di andare oltre la parola parlata.

 

E a questo punto ho finalmente capito il significato delle poesie.

Le poesie fanno un ulteriore passo avanti raggiungendo sfere che possono essere indovinate ma non a parole, eppure sono reali e di grande importanza per la nostra umanità.

 

Una buona poesia ha una “bellezza interiore”. Ha il potere di liberare le nostre menti e di collegarle con un altro mondo per l’orlo di un momento.

Le poesie sono in grado di farvi intravedere ciò che si trova tra le parole e vi permette di vedere ciò che il linguaggio stesso non è più in grado di esprimere.

 

Possono anche affrontare sfumature sottili e, cosa più importante, presagire cose che non possono essere pronunciate ad alta voce, ma solo percepite.

Le poesie mettono in relazione tra loro cose che apparentemente non hanno nulla a che fare l’una con l’altra, eppure lo fanno per un solo momento.

 

Questo è il motivo per cui a volte sembrano illogici – sembrano andare alla deriva, ripetersi ed essere sfuggenti. Ma questo è più di un semplice narcisismo del poeta. Serve allo scopo speciale di tirarci fuori dal nostro tempo e di farci crescere oltre noi stessi.

Come risultato, le poesie danno voce alla nostra parte interiore. Arrivano al limite di ciò che si può dire a parole e a volte anche oltre.

 

Ed è proprio per questo che possono servire da scudo contro la continua esposizione all’intrattenimento, ai pensieri e alle opinioni altrui. Non per sfuggire alla realtà, ma per preservare un luogo di umanità dentro di noi, un luogo di silenzio e immaginazione per l’ispirazione e l’amore per crescere.

 

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

App Culturale

Dai un’occhiata anche alla mia app culturale!

Nuovi articoli quotidiani sulla storia dell’Europa, la letteratura, la musica classica, le belle arti e altro ancora.

Blogverzeichnisse

Blogheim.at Logo