Seleziona Pagina

Ragazzi lunghi

Ragazzi lunghi

Frederick William I. amava far marciare i suoi soldati. Anche come principe ereditario fondò la propria guardia, che era popolarmente conosciuta come la “Potsdam Giant Guard” o “Lange Kerls”. (Ragazzi lunghi).

 

Hanno ricevuto questo nome perché a nessuno di loro è stato permesso di essere più piccolo di sei piedi (che era quasi 1,90 metri). Poiché questo requisito non era facile da soddisfare a causa delle dimensioni medie di 1,68 m a quel tempo, il “Langen Kerls” doveva essere portato in Prussia da tutte le parti del mondo con denaro o con la forza.

Tuttavia, coloro che erano venuti a patti con il loro destino si aspettavano una vita relativamente buona. Perché come “soldato da parata” l’allora consueto denaro manuale e la paga erano di gran lunga superiori a quelli di un soldato ordinario e il re si spinse addirittura a dare le case ai suoi cari e a provvedere ad una moglie adatta.

 

Naturalmente, tutto questo divorò somme enormi e Friedrich Wilhelm era sempre alla ricerca di nuove fonti di reddito. Le tasse sui beni di lusso come il tè, lo spumante o il gelato alla frutta si rivelarono particolarmente vantaggiose. Per questo motivo dichiarò il caffè un bene di lusso e sperava in un reddito supplementare.

Ma prima affrontò il problema che i suoi sudditi non volevano abituarsi alla nuova bevanda. Non a caso, la bevanda nera era così amara che la gente poteva gustarla solo con molta panna e zucchero.

 

Ma Friedrich Wilhelm aiutò e promosse il caffè in tutti i modi possibili, ad esempio facendo costruire nella sua capitale, come il “Café Royal” di fronte al palazzo di città.

Il suo progetto diede i suoi frutti e già a metà del XVIII secolo il caffè era una bevanda molto diffusa e per la bella società berlinese faceva parte del buon tono per incontrarsi per un coffee party.

 

In un diario dell’epoca, si legge come segue: “Se le cose dovessero essere un po’ più raffinate e mettere di più in tavola, allora, ad esempio, un organaro non sposato invitò i suoi ospiti ad un pomeriggio domenicale e servì loro caffè ben preparato, vino del Reno e zwieback croccante. Una giovane cameriera che aveva chiesto il caffè ha servito prugne e uva dopo il caffè. Anche Frau von Dorn, che vive al Molkenmarkt nel Palazzo Schwerinschen, ha accolto i suoi ospiti con caffè, piccoli zuccherini e uva. Dopo il caffè o il tè, ai signori veniva offerta una bella acquavite e panini freschi”.

E nel 1744 la Kurmärkische Domänenkammer riferisce che “il consumo di caffè era diventato natura per quasi tutti e anche per i comuni cittadini”.

 

Così il reddito bolleva, l’oro sempre fresco scorreva nelle casse e Friedrich Wilhelm poteva permettersi di nuovo uno dei suoi amati “Langen Kerls”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

App Culturale

Dai un’occhiata anche alla mia app culturale!

Nuovi articoli quotidiani sulla storia dell’Europa, la letteratura, la musica classica, le belle arti e altro ancora.

Blogverzeichnisse

Blogheim.at Logo